Sondrio

Aree protette in Lombardia: risorse a Pian di Spagna e Parco Orobie Valtellinesi

Redazione VN – 29 Gennaio 2024

Centro Valtellina, Cronaca, Montagna, Sondrio

Progetti di durata triennale (2024-2026) coinvolgeranno riserve naturali ed enti gestori dei parchi per 900 mila euro

15 mila andranno al Parco Orobie Valtellinesi per il Sondrio Film Festival

SONDRIO – La Riserva Naturale Pian di Spagna – Lago di Mezzola è rientrata tra i soggetti beneficiari, insieme alle Torbiere del Sebino (BS), alle Incisioni rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo (BS) e agli enti gestori dei parchi regionali (tra cui Parco delle Orobie Valtellinesi), dei 900 mila euro stanziati complessivamente da Regione Lombardia per la valorizzazione delle aree protette, previsti nella delibera ‘Programma pluriennale 2024-2026 per iniziative di educazione ambientale e di valorizzazione delle aree protette regionali’ approvata dalla Giunta.

La proposta è dell’assessore Gianluca Comazzi (Territorio e Sistemi verdi) di concerto con l’assessore Giorgio Maione (Ambiente e Clima).

In particolare si vorrebbero avviare progetti di durata triennale, in concerto con le tre riserve naturali e gli enti gestori dei parchi coinvolti, servendosi di un contributo pari a 796.5000 euro, tra cui ‘‘Bioblitz: esploratori della biodiversità‘ con uno stanziamento di 202.500 euro in tre anni; ‘Territorio: una scuola a cielo aperto‘ (405.000 euro in tre anni); ‘Ben-essere in natura‘ (189.000 euro in tre anni).

Dei fondi totali previsti, 15 mila euro andranno al Parco delle Orobie Valtellinesi per sostenere le spese del Sondrio Film Festival, Mostra internazionale dei documentari sui parchi.

“L’impegno di Regione Lombardia – ha affermato l’assessore Comazzi – nelle azioni di valorizzazione del capitale naturale e dell’educazione e sensibilizzazione sui temi ambientali nei confronti dei proprio cittadini è costante. Il precedente programma pluriennale è stato un enorme successo e ha coinvolto più di 81.000 persone. Abbiamo quindi ritenuto necessario dare continuità così da non interrompere i processi virtuosi già avviati. Con questa delibera viene predisposto un nuovo programma che ci vedrà impegnati per il prossimo triennio 2024-2026 con nuove, importanti iniziative”.