Sondrio

Sondrio. Area ex Cotonificio Fossati, la bonifica si farà

Redazione VN – 12 Marzo 2024

Attualità, Centro Valtellina, Sondrio

Ex Cotonificio Fossati Sondrio

Tra i "siti orfani" individuati da Regione Lombardia per l'intervento

Stanziati nel complesso 14 milioni di euro, ad aggiungersi ai 51 del PNRR

SONDRIO – L’area dell’ex Cotonificio Fossati a Sondrio tra i diciotto “siti orfani” che Regione Lombardia intende bonificare in sinergia con il Governo. Attraverso uno stanziamento di 14 milioni di euro (risorse interamente regionali) che vanno ad aggiungersi ai 51 previsti dal Pnrr, si potrà finalmente intervenire in queste aree potenzialmente contaminate dislocate in diverse province lombarde, dove non è individuabile il responsabile dell’inquinamento.

Nel caso di Sondrio, si tratta di una zona industriale dismessa in cui a partire da fine ‘800 fino al 2011 è stata svolta attività di filatura e lavorazione tessile. Risultano contaminati i suoli da metalli e idrocarburi e presenza di rifiuti. La progettazione di bonifica è attualmente in corso.

Questo l’obiettivo della delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta del vicepresidente e assessore al Bilancio, Marco Alparone, di concerto con quello all’Ambiente e Clima, Giorgio Maione.

Si tratta di interventi che i nostri territori attendono da decenni. In Lombardia – ha spiegato Maione – stiamo attuando un maxi piano di bonifiche che caratterizzerà le politiche ambientali e di rigenerazione urbana per molto tempo. In passato la sensibilità sui temi territoriali era decisamente più bassa e scontiamo situazioni provocate magari cinquant’anni fa e per le quali ormai è difficile rivalersi sui responsabili. In questi casi dunque l’onere degli interventi sostituivi di bonifica, messa in sicurezza e ripristino ambientale è in carico alla Pubblica Amministrazione. E la Regione vuole intervenire”.

“Questa integrazione di risorse – ha spiegato – è resa possibile dalla solidità del nostro bilancio e da un rapporto sinergico con il Governo. I contatti con il ministro sono quotidiani. La Lombardia non può più aspettare e oggi diamo una risposta straordinaria”.

“Chiaramente – ha proseguito l’assessore – ogni situazione è differente e quindi anche le tempistiche variano da progetto a progetto, ma il Pnrr prevede la riqualificazione di almeno il 70% della superficie del suolo dei siti orfani entro il primo trimestre del 2026. I tempi sono dunque stretti e l’intervento della Regione è stato puntuale”